fondazione proPosta
fondazione proPosta

Circolare del 1824

La Circolare diramata il 14 aprile 1824 dall’Amministrazione Generale delle Poste di Napoli ci racconta come in ogni epoca e latitudine e sotto qualunque cielo le Poste abbiano sempre dedicato grande attenzione alla corrispondenza ed agli utenti del servizio.….. almeno in passato…..

Nel 1824 Napoli era la capitale del Regno delle Due Sicilie, trasferita da Palermo sette anni prima da Ferdinando I di Borbone ancora regnante.  La spedizione dei Mille era ancora lontana.

L’unificazione sarebbe avvenuta solo nel 1860. 

La Circolare ci dice che le corrispondenze che non potevano essere recapitate erano divise in due categorie: erronee e indistribuite.

Alla prima categoria appartenevano le corrispondenze con indirizzo errato nel nome del destinatario o nella localizzazione, alla seconda categoria quelle che non era stato possibile consegnare al destinatario.

All’epoca il servizio di recapito a domicilio non era ancora attivato. Le lettere venivano ritirate dai destinatari presso i punti di distribuzione: leofficine di posta.

La reprimenda, a firma del Direttore Generale e del Segretario Generale era veramente severa e minacciava pesanti sanzioni (multe e mancato rimborso dei costi) al personale inadempiente. Restituire in ritardo le lettere erronee significava ritardare l’informativa ai mittenti e ciò avrebbe potuto causare danni (tanto più che le lettere erano prevalentemente commerciali o di affari) e in ogni caso l’Amministrazione delle Poste avrebbe offerto un cattivo servizio.

Questo documento dimostra come il servizio di recapito fosse ritenuto particolarmente importante, non a caso veniva definito il “geloso ramo di posta”. La definizione non ha bisogno di commenti, dice da sé quanto rispetto ci fosse per gli utenti.

Oggi si chiamano “clienti” credendo di dar loro una maggiore dignità, ma la maggior dignità può venire solo da una buona qualità del servizio, non dalla distribuzione bisettimanale della corrispondenza e dai lunghi tempi intercorrenti tra impostazione e recapito.

 

Ma tant’è….. non sempre il meglio è nell’oggi…….

                                                                                                 ( e.v. )

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Fondazione proPosta Via Barberini 36 00187 Roma